Torre Chianca (Lecce)

Nel di Comune di Lecce, nell’omonima località, sorge Torre Chianca a 20 metri dal mare e a un’altitudine di due metri. Il rudere è oggi in stato di abbandono.

Vito Pezzuto (2020).

Torre Chianca, da non confondere con l’omonima torre nel comune di Porto Cesareo, comunicava visivamente a sud con Torre Veneri e a nord con Torre Rinalda. È la prima torre a base circolare grande della provincia di Lecce muovendosi da nord a sud. Il rudere domina questo tratto di litorale roccioso basso e ha dato il nome alla rinomata località turistica.

La Storia

L’edificazione fu assegnata a Nicola Saetta di Lecce, come si apprende da un documento del 2 ottobre 1567, che riporta dei 200 ducati che lo stesso ricevette dalla Regia Camera per la costruzione di questa torre (assieme ad altre due, tra cui Torre Rinalda).

Viene citata in alcuni documenti e in tutta la cartografia antica, dal XVI secolo, con il nome di “Torre di porto della Chianca” (chianca, nel dialetto locale, significa lastra di pietra) e nel 1569, secondo gli Elenchi dei Viceré, era giá stata costruita. Venne censita in buono stato nel 1825 (Primaldo Coco) e risultava ancora in uso alla Guardia Doganale nel 1842. Durante la Seconda Guerra Mondiale è stata utilizzata come postazione di artiglieria (De Salve).

Vito Pezzuto (2020)

La Struttura

Il grande rudere, che tuttora si erge sulla bassa scogliera, mostra il basamento scarpato (di diametro 12 m) raccordato ad un frammento verticale del paramento del piano agibile. La porta levatoia d’accesso al piano agibile, in lato monte, si percepisce ancora, nonostante il degrado più aggressivo qui localizzato.

Dove si trova: https://goo.gl/maps/h7s1ugT4DrM9Adhy5

Bibliografia:

De Salve, C. (2016). Torri Costiere. La Difesa delle Coste del Salento al Tempo di Carlo V. Galatina: Editrice Salentina.

Commenti

davide ha detto:

bellissimo! io sono una persona non vedente, amante dell’arte e della storia.
Il sito è accessibile, e già questo è una nota di merito.
Sto cercando delle riproduzioni tattili di torri costiere o di fari, avete idea se ci siano da qualche parte?
grazie, e complimenti per il progetto.

Francesco Pio ha detto:

Salve Davide, mi fa davvero piacere che il sito ti sia piaciuto. Grazie per le tue gentili parole. Per quanto riguarda delle riproduzioni tattili al momento non ho delle indicazioni da darti. Ma ti prometto che se dovessi venire a conoscenza di qualcosa ti contatterò di persona. Inoltre, la creazione di queste riproduzioni sarebbe un’interessante idea da proporre ad un ente o associazione. Ti aggiornerò nel caso in cui avrò novità!

Lascia un commento