Torre Veneri

Nel Comune di Lecce in località Frigole, si erge Torre Veneri a pochissimi metri dal mare. Il rudere è in stato di abbandono.

Gaetano Andriani de Vito, Instagram

Torre Veneri comunicava visivamente a sud con Torre San Cataldo e a nord con Torre Chianca. Si trova in un bellissimo tratto di litorale sabbioso ancora incontaminato, nei pressi di una vasta area utilizzata per l’addestramento militare.

La Storia

Dopo una lunga successione di offerte per la costruzione di più torri, rinnovi di gara della Regia Camera e ribassi dei vari partecipanti, la costruzione di Torre Veneri, a seguito della definitiva spartizione degli appalti, fu assegnata, con atto del 19 agosto 1582 al leccese Alessandro Saponaro. L’edificazione di questa torre, peró, secondo Onofrio Pasanisi, nel 1608, non era ancora stata completata. In alcuni documenti e nella cartografia antica compare dal XVII secolo, col nome di “Torre di Manasca” (De Salve). Nel tempo ha subito un lungo processo di degrato dovuto al suo stato di abbandono.

Alessandro Protopapa, Facebook
Dal sito del Quotidiano di Puglia

La Struttura

Torre Veneri è una torre atipica, a base quadrata e presenta caratteristiche simili alle torri edificate dallo Stato della Chiesa, integrate con quelle delle masserie fortificate dell’entroterra salentino.

“L’importante rudere, scampato all’oblio, è ancora in condizioni di recupero. Il corpo quadrangolare scarpato (11 m per lato), quasi completo nella parte alta, continua oltre il toro di coronamento (completamente leggibile) con un parapetto verticale parzialmente in rovina. Molto degradati, su tutto il perimetro, i paramenti al piano terra, con accesso in rottura in lato monte (sotto l’originaria porta levatoia) e la fondazione scoperta in lato mare” (De Salve).

Costruita su due piani, presenta al pian terreno una cisterna e una scala in pietra che conduce al primo piano. Quest’ultimo, con volte a crociera conserva ancora l’antico camino e una scala che conduce al terrazzo.

Giovanni Cosi (1989)

Dove si trova: https://goo.gl/maps/GPpN5sPb2gUUf3kp7

Bibliografia:

Cosi, G. (1989). Torri Marittime di Terra d’Otranto. Galatina: Congedo Editore.

De Salve, C. (2016). Torri Costiere. La Difesa delle Coste del Salento al Tempo di Carlo V. Galatina: Editrice Salentina.

365 Giorni nel Salento (2020). Torre Veneri. Sito web.

Lascia un commento